home > blog > BodyTite, la soluzione migliore per modellare il corpo in vista dell’estate

BodyTite, la soluzione migliore per modellare il corpo in vista dell’estate

Contributo di il 5 maggio 2017

body tite

L’estate è vicinissima e con lei anche le preoccupazioni per la prova costume! I piccoli accumuli adiposi, difficili da sconfiggere pure con attività fisica e buona alimentazione, rappresentano un cruccio non da poco per chi vuole apparire al top in spiaggia!

Le difficoltà aumentano quando si parla di grasso a livello dell’addome. Perché è particolarmente ostico da eliminare? Perché si tratta di adipe viscerale, che si insinua negli interstizi tra i vari organi. Se l’adiposità localizzata non è di grande entità, la chirurgia estetica mini invasiva può rappresentare una valida soluzione da prendere in considerazione assieme alla dieta e allo sport, elisir di benessere fondamentali in ogni caso.

I loro già ottimi effetti possono essere potenziati grazie al BodyTite, il trattamento rivoluzionario capace di eliminare gli accumuli adiposi e di ricompattare la pelle grazie alla radiofrequenza. Molto apprezzato da chi cerca un approccio soft per risolvere gli inestetismi, può essere effettuato anche senza bisogno di ricovero. A livello pratico è molto simile a una normale liposcultura. Il chirurgo inserisce una cannula nella parte del corpo da trattare. Questa comincia ad aspirare il grasso in eccesso, mentre un trasmettitore di radiofrequenza corre esternamente e, grazie anche all’alta temperatura, ripristina un’ottimale tonicità della pelle. Tutto ciò non comporta la comparsa di cicatrici o ecchimosi.

Il risultato è permanente? In generale sì. Bisogna tenere comunque conto dell’età, che gioca un ruolo decisivo con il naturale sopraggiungere dei cedimenti. Di certo c’è il BodyTite anche che rappresenta un’opzione molto vantaggiosa per chi vuole rimodellare il corpo in vista della bella stagione, intervenendo su zone come addome, schiena e cosce, punti dove il grasso tende ad accumularsi con particolare facilità.

 

Cosa ne pensi?