home > blog > Chirurgia estetica: gli interventi last minute che si possono effettuare prima delle vacanze

Chirurgia estetica: gli interventi last minute che si possono effettuare prima delle vacanze

Contributo di il 17 Luglio 2020

Durante il periodo estivo, l’interesse verso la chirurgia estetica cresce e per motivi più che chiari: con il corpo scoperto per via degli abiti leggeri, è più facile accorgersi di quegli inestetismi che durante l’inverno sono camuffati dai vestiti. Di cosa sto parlando? Delle lassità cutanee, ma anche del Lato B poco volumizzato.

Oggi come oggi, grazie agli approcci mini invasivi, si possono effettuare dei veri e propri interventi last minute, senza sacrificare in alcun modo né la sicurezza, né la qualità del risultato finale. Quali sono le alternative più utili al proposito? Si potrebbe scrivere tantissimo in merito!

Tra le opzioni principali posso senza dubbio ricordare il manipolo micro-chirurgico di BodyTite. Come funziona? Vera e propria rivoluzione della chirurgia estetica, associa una liposcultura all’efficacia della radiofrequenza. Stiamo parlando infatti di un manipolo biforcuto caratterizzato dalla presenza di una cannula che agisce internamente e che aspira le cellule adipose, procedendo in contemporanea con un manipolo esterno che, invece, compatta i tessuti, risolvendo il problema delle lassità cutanee. Ricordo altresì che questo trattamento può essere effettuato in contesto ambulatoriale e che non richiede giorni di degenza.

Quando si parla di chirurgia mini invasiva e di interventi che si possono effettuare anche prima delle vacanze in virtù del post operatorio agevole, è impossibile non chiamare in causa la gluteoplastica con tecnica sotto muscolare. Questo approccio a un intervento sempre più richiesto ha il vantaggio di essere poco demolitivo in quanto, come è chiaro dal nome stesso della tecnica, la protesi viene posizionata al di sotto del muscolo grande gluteo, con un atto chirurgico che dura massimo 40 minuti ed effettuabile senza problemi in day hospital.

Il risultato? Un Lato B volumizzato ma non in maniera eccessiva – non potrebbe essere altrimenti dato che lo spazio sotto al muscolo sopra ricordato è contenuto – con un esito visivo molto simile a quello dello squat!

Cosa ne pensi?