home > blog > Mastoplastica additiva: cosa succede durante la prima visita?

Mastoplastica additiva: cosa succede durante la prima visita?

Contributo di il 9 Aprile 2021

La mastoplastica additiva è uno degli interventi di chirurgia estetica più richiesti dalle donne, a prescindere dall’età. Passano gli anni ma, parliamoci chiaro, i numeri di questa operazione rimangono altissimi. I motivi sono diversi e riguardano soprattutto il miglioramento costante sia delle tecniche operatorie, sia della qualità delle protesi (personalmente utilizzo molto quelle rivestite in schiuma di poliuretano, note per garantire una percentuale nulla di casi di contrattura capsulare).

Quando si parla della mastoplastica additiva, è doveroso soffermarsi su un momento cruciale per tutte le donne che si approcciano all’intervento, ossia la prima visita. Come si svolge? Tengo sempre a rammentare che si tratta di un appuntamento fondamentale, nel corso del quale la paziente deve essere estremamente chiara in merito alle proprie aspettative e fidarsi del chirurgo estetico.

Passando agli aspetti pratici della prima visita per la mastoplastica additiva, ricordo che, in questa occasione, il chirurgo procede a una valutazione completa, concentrandosi anche sulle misurazioni toraciche. Prezioso in fase di valutazione delle protesi migliori per la singola paziente è l’aiuto della tecnologia e in particolare di Crisalix, software di simulazione che, a partire da tre foto standard, permette di farsi un’idea di come potrebbe venire il seno con una determinata tipologia di impianto.

Grazie alla realtà aumentata, si ha addirittura modo di vedere la simulazione direttamente sul proprio corpo di fronte, di profilo e di 3/4.

Proseguendo con l’elenco degli aspetti che contraddistinguono la visita conoscitiva in preparazione all’intervento di mastoplastica additiva, non posso non parlare dell’importanza di discutere con il chirurgo degli aspetti relativi alle abitudini lavorative, familiare e legate allo sport. Le informazioni in merito sono basilari per mettere a punto un percorso mirato per il post operatorio.

Cosa ne pensi?